© Nicodemo Luca Lucà

ABOUT ME

Artista informale materica da 20 anni, negli ultimi 10 ho dedicato una parte importante del mio lavoro alla ricerca della libera espressione della persona. Nel 2019 apro ONIRIC STUDIO uno spazio dedicato alla libera espressione dell'inconscio attraverso il mezzo artistico. Dalle colonne vertebrali aperte e orizzontalizzate che raccontano paesaggi e visioni interiori, le mie conversazioni con il colore e la forma si sono aperte ad un sentire visuale, ad un raccontare interi libri di parole e sensazioni attraverso un quadro che, letteralmente, si può sfogliare strato dopo strato e leggerne il contenuto. Lavorando con l'inconscio, le mie Opere sono indirettamente un portale verso le due realtà, quindi è inevitabile che ciò che ne scaturisce sia primordiale: ho scelto la pittura materica, perché avevo bisogno di “toccare la terra”; ho scelto la pittura informale perché avevo bisogno di sganciarmi dalle forme predisposte e crearne di mie, uniche e sempre diverse.

Ho scelto di lavorare con tanti materiali diversi perché ogni singola tecnica ha un linguaggio personale con cui voglio interagire.
Nei quadri voglio inserire la mia dinamite, i miei cosmi esplosivi, caotici, contorti e avvolgenti perché' sono prigione ma anche via di fuga, sono desiderio di controllo e motivo di intenso orgasmo interiore.

 
 
© Nicodemo Luca Lucà

ABOUT ME

Artista informale materica da 20 anni, negli ultimi 10 ho dedicato una parte importante del mio lavoro alla ricerca della libera espressione della persona. Nel 2019 apro ONIRIC STUDIO uno spazio dedicato alla libera espressione dell'inconscio attraverso il mezzo artistico. Dalle colonne vertebrali aperte e orizzontalizzate che raccontano paesaggi e visioni interiori, le mie conversazioni con il colore e la forma si sono aperte ad un sentire visuale, ad un raccontare interi libri di parole e sensazioni attraverso un quadro che, letteralmente, si può sfogliare strato dopo strato e leggerne il contenuto. Lavorando con l'inconscio, le mie Opere sono indirettamente un portale verso le due realtà, quindi è inevitabile che ciò che ne scaturisce sia primordiale: ho scelto la pittura materica, perché avevo bisogno di “toccare la terra”; ho scelto la pittura informale perché avevo bisogno di sganciarmi dalle forme predisposte e crearne di mie, uniche e sempre diverse.

Ho scelto di lavorare con tanti materiali diversi perché ogni singola tecnica ha un linguaggio personale con cui voglio interagire.
Nei quadri voglio inserire la mia dinamite, i miei cosmi esplosivi, caotici, contorti e avvolgenti perché' sono prigione ma anche via di fuga, sono desiderio di controllo e motivo di intenso orgasmo interiore.

IN PROSPETTIVA

Dopo il liceo ho scelto di formarmi in pittura e restauro presso l’Accademia l’Aldo Galli - IED di Como e, contemporaneamente ad un'esperienza romana al Ministero dei Beni Culturali nella sezione Arte Contemporanea, ho conseguito la laurea in Storia dell'Arte presso l’Università Cattolica di Milano.
Continuo costantemente a studiare e a formarmi, ultima conquista il master esperienziale in Art Counseling presso ASPIC Milano, certa che le mie diverse specializzazioni professionali in pittura, restauro, archeologia ed editoria abbiano strutturato un percorso nel medesimo campo che, con l'insegnamento, porto fuori dal settore dei professionisti per renderlo fruibile e amato dalle nuove generazioni.